Home

WEISSES WERK

Rasi a palmo aperto l’erba, ari e rivolti zolle, la mano porta lo scompiglio: fende come un ferro nero l’unghia, di minuscoli segmenti vivi e larve disperde una distesa e di altri svelti e pronti a fare buchi ed interrarsi. Nella lotta cresce il corpo, le dita si spalancano in radici, dissodando solchi illuminati di silenzio.
La tua gioia sboccia nell’esilio dall’umano.
Ogni gesto si precipita nel vuoto, ombra di una nube in corsa sopra il prato.

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...